Come Walt Disney ha contribuito ai Giochi Olimpici

Come Walt Disney ha contribuito ai Giochi Olimpici

 

I Giochi della XXX Olimpiade si sono conclusi lo scorso 12 Agosto, con 28 medaglie vinte dall’Italia (8 in oro, 9 in argento e 11 in bronzo).
Le cerimonie di apertura e chiusura sono i momenti clou che tutti gli spettatori non vedono l’ora di seguire (sapevate che la cerimonia di apertura a Pechino è stata vista da più di 2 bilioni di persone?!), e quelle di quest’anno non sono state da meno.

Rimarreste tutti stupiti di sapere che Walt Disney e la Walt Disney Company hanno avuto una relazione speciale con i Giochi Olimpici per anni.

Nel 1959 fu chiesto a Walt di presiedere la Pageantry Committee per le Olimpiadi Invernali tenutesi in Squaw Valley, California nel 1960. Al suo team si affiancarono diversi nomi noti tra cui il genero/produttore di film Ron Miller, la stella della tv Art Linkletter, e il vice-presidente della Disney Card Walker.

newheights_olympics_3_0

Con la sua partecipazione, Walt organizzò le cerimonie di apertura e chiusura, le cerimonie di vittoria, gli spettacoli serali per gli atleti, le decorazioni della Valley, la staffetta della torcia olimpica e vari dettagli logistici come il parcheggio, la sicurezza e i biglietti.

In questo video fornito da “Walt Disney Family Museum”, troviamo Art Linkletter che ricorda la sua collaborazione con Walt Disney:

Walt prese il lavoro con grande serietà tanto da ingaggiare più di 5,000 performer. Tra le novità che apportò ci fu un film festival dove poterono partecipare anche gli stessi atleti.

I più notevoli contributi della cerimonia furono creati dall’Imagineer John Hench.
Mandato da Disney nel Quebec per studiare le sculture di ghiaccio, Hench creò 32 sculture per i Giochi e la maggior parte di esse erano alte quasi 5 metri.
Al giorno d’oggi le sculture di ghiaccio sono una prerogativa dei Giochi Invernali.

eb441d0fa4b95144f0c80279e909a3df

Ma cosa fece lo stesso Walt Disney? Fece in modo che le cerimonie apparissero e risplendessero con il tocco magico che da sempre caratterizza il suo brand.

Per tutta la durata dei Giochi, Disney soggiornò in un delizioso chalet.
Nell’ultimo giorno della sua permanenza, scrisse una nota che rimane ancora oggi appesa sulle mura dell’abitazione. La frase cita “To The Picturesque House In Squaw Valley With Pleasant Memories—Walt Disney”.

L’affiliazione della Disney Company con le Olimpiadi non si fermò nel 1960.

Fu chiesto a Card Walker di far parte della Commissione dei Giochi Olimpici del 1984 tenutesi a Los Angeles. Ai Walt Disney Studios fu data la possibilità di disegnare la mascotte ufficiale, Sam the Eagle, un aquilotto vestito con i colori della bandiera americana e  disegnato da Bob Moore, animatore e direttore dei progetti speciali.

Infine, la Walt Disney Productions ancora una volta delineò i progetti preliminari per le cerimonie di apertura e chiusura.

Articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *