[RECENSIONE IN ANTEPRIMA]: Saving Mr. Banks

[RECENSIONE IN ANTEPRIMA]: Saving Mr. Banks



La scorsa settimana abbiamo assistito all’anterprima stampa di Saving Mr Banks. Ecco la nostra recensione 🙂

Vento dall’est, la nebbia è là, qualcosa di strano tra poco accadrà. Troppo difficile capire cos’è, ma penso che un ospite arrivi per me

Ed è lei, Mary Poppins, l’ospite più atteso nelle sale cinematografiche di questo inverno che con la sua magia ritorna sui grandi schermi.
Candidato a 13 Oscar e vincitore di ben 5 statuette, il film di Robert Stevenson è stato frutto di un accanito corteggiamento durato circa 20 anni da parte di Walt Disney nei confronti di P.L Travers, l’autrice del romanzo e detentrice dei diritti sui personaggi.Uscito poi nel 1964, Mary Poppins, ha affascinato intere generazioni e dopo mezzo secolo la casa di Topolino omaggia la bellezza di questa pietra miliare del cinema con l’uscita di Saving Mr Banks.
Prendendoci per mano torneremo indietro nel tempo e capiremo come mai l’inglesissima Signora Travers (interpretata da una magnifica Emma Thompson) è così riluttante nel trasformare la sua tata in un “altro mattone del luccicoso mondo Hollywoodiano”.

Siamo nel 1961 e la Travers, “obbligata” dalla sua delicata situazione finanziaria (gli incassi dei suoi libri stavano calando enormemente), accetta finalmente dopo tantissimi anni di recarsi a Los Angeles per incontrare Walt Disney (Tom Hanks) e i suoi collaboratori per leggerne la sceneggiatura e assicurarsi il controllo totale dell’opera.
Inorridita dallo zuccherato mondo animato creato da Disney, la stessa Travers renderà la pre-produzione un inferno, portando Walt più volte all’esasperazione. Quest’ultimo, pur di dare vita a Mary Poppins sarà disposto a cedere su piccoli dettagli di sceneggiatura insignificanti.

Ben presto tutto il team di produzione capirà che c’è qualcosa di nascosto e profondo che turba tanto la Travers. E’ qui che ha inizio la parte più commovente del film. A tocchi di flashback torneremo indietro nel tempo per conoscere un’infanzia difficile che ha dovuto sopportare da bambina. Più che svendere la sua tata, la Travers ha paura di lasciare andare un ricordo, più doloroso e intimo, che è la chiave del suo apparente cuore gelido.

Lui, lo zio Walt, papà di tutti i bambini del mondo, l’americano per eccellenza sempre col sorriso stampato in viso. Lei, una donna inglese, fredda, scontrosa e irremovibile sulle sue idee. Da questo due personalità totalmente contrastanti nasceranno le scene più divertenti del film. Le taglienti battute british si scontreranno con le frizzanti uscite del gioviale Disney.
Ottimo anche il cast di contorno, per dimostrare appunto che non esistono piccole parti. Tra questi ci sono ColinFarrell, Ruth Wilson e Paul Giamatti.
Incredibilmente snobbato agli Oscar ricevendo una sola nomination come Miglior Colonna Sonora (invece la candidatuta della Thompson come Migliore attrice ci stava tutta), Saving Mr Banks è un film spettacolare e bellissimo. Adatto non solo per i fan disneyani, ma anche per tutti coloro che sono incuriositi dalla storia che si cela dietro il successo di Mary Poppins.

I titoli di coda sono poi la ciliegina sulla torta. Un consiglio: rimanete in sala fino alla fine! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *