Kay Kamen: l’uomo che contribuì alla nascita e al successo del marketing Disney

Kay Kamen: l’uomo che contribuì alla nascita e al successo del marketing Disney

Durante la Grande Depressione Americana degli anni 30, il presidente degli Stati Uniti Herbert Hoover prometteva un pollo in ogni pentola. Kay Kamen invece prometteva un personaggio Disney in ogni casa.

Ma chi era Kay Kamen?

Se Walt Disney era al timone di tutto cio’ che riguardava l’arte dei film animati, l’uomo dietro la proliferazione del merchandise Disney dal 1933 al 1949 fu principalmente l’imprenditore di nome Herman “Kay” Kamen.
Quest’uomo mise in commercio migliaia e migliaia di prodotti in cui venivano raffigurati i personaggi Disney: dai libri alla musica, dai giocattoli al vestiario, dalla cancelleria al cibo, Kamen aiuto’ a trasformare Topolino e compagnia bella in megastar globali.

Kay Kamen insieme a Walt Disney

Herman “Kay” Kamen naque il 27 Gennaio 1892. Quarant’anni piu’ tardi, accumulò diversi successi nel campo delle pubblicità e delle pubbliche relazioni grazie ad una società di promozioni che nel 1932 aveva sede in Kansas City, Missouri. Ed e’ proprio in questa città e in quell’anno che conobbe sia Walt che Roy Disney.
Quest’ultimi rimesero particolarmente impressionati dal lavoro di Kamen e il 1 luglio 1932 stipularno con lui un contratto.

Non passò molto tempo che divenne  il rappresentante esclusivo per le licenze. Il contratto prevedeva che fino a $100,000 di profitto, il 60% andava a Disney e il 40% a Kamen. Superati i $100,000 la scissione era 50/50.

Una delle prime cose che Kamen fece subito dopo aver firmato il suo primo contratto, fu quello di togliere alla società George Borgfeldt Corporation l’esclusiva per produrre e distribuire il  merchandise dei personaggi Disney.
Rimpiazzò inoltre il rappresentante inglese per le licenze William Banks Levy, con suo nipote George Kamen, il quale era a capo della sede inglese della Kay Kamen Ltd.

Uno dei maggiori successi di Kamen nell’ambito del merchandising Disney fu il contratto che stipulò con la compagnia di orologi Ingersoll-Waterbury.
Grazie a questo accordo venne creato il famoso orologio in cui Topolino, la star del momento, veniva raffigurato nel quadrante e le sue braccia indicavano le ore e i minuti.
Presentato per la prima volta alla fiera di Chicago “Century of Progress” del 1933, il prodotto fu un vero e proprio successo e fruttò alla Disney parecchi soldini e salvò la Ingersoll dalla bancarotta.

Orologio di Topolino della marca Ingersoll

Dopo la fiera, si narra che un giorno nel negozio Macy’s a New York furono venduti circa 11,000 orologi!
Attualmente questi pezzi sono uno degli oggetti più ricercati dai collezionisti Disney.
Personalmente io ne ho comprato uno (ovviamente non quelli originali del 1933) a Disneyland Paris a 35,00 euro 🙂 Una vera chicca per tutti noi fan!

Nel 1934, Kamen decise di pubblicare un catalogo in cui venivano proposti questi prodotti, specialmente quelli che raffiguravano Topolino. Il secondo catalogo invece fu pubblicato nel 1935. Di seguito vi posto l’immagine di copertina:

Il secondo volume del catalogo Mickey Mouse Merchandise, 1935
Questo è invece il catalogo numero 3 intitolato “Mickey Mouse Merchandise 1936-37. Pubblicato da Kay Kamen, Ltd., Exclusive Representative, Walt Disney Enterprises, New York.”.
Il catalogo ha 84 pagine.

Sfortunatamente, l’ultima campagna pubblicitaria che promosse Kamen fu per il lungometraggio d’animazione Cenerentola, realizzato nel 1950.

Ruth Ivener, vice-presidente della Kay Kamen Ltd., ricevette l’ultima lettera di Kamen nel suo ufficio di New York. Datata 26 ottobre 1949 e spedita da Parigi, la lettera conteneva una multitudine di dettagli finanziari e venivano fatte delle battute sulla paura di volare di Kamen.
Per ironia della sorte, tragicamente all’eta’ di 56 anni, Kay Kamen e sua moglie Katie, morirono proprio in un incidente aereo.

La favolosa era di Kamen (1933-49) nell’ambito del merchandising Disney potrebbe facilmente essere descritta come uno delle piu’ grandi storie di successo del secolo scorso.
La maggior parte del merchandise attualmente collezionato come “Disneyana” è direttamente collegato al genio di Kay Kamen, e ovviamente anche a quello di Walt Disney.

Al giorno d’oggi, mentre il nome Disney e’ conosciuto in tutto il mondo, quello di Kay Kamen dovrebbe essere altrettanto ricordato per il suo contributo nel mondo di Disneyana.

Oltre al prosciutto di Biancaneve e I Sette Nani, furono creati tantissimi altri prodotti. Di seguito vi postiamo le immagini di alcuni di essi:

 

Articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *